lunedì 25 novembre 2013

Dalla seconda guerra mondiale alla caduta del muro di Berlino

Un post che racconta la storia, attraverso i bottoni, a partire dalla seconda guerra mondiale fino alla caduta del muro di Berlino. Iniziamo col presentare i bottoni di alcuni eserciti alleati nella seconda guerra mondiale
Bottoni degli eserciti delle tre potenze di allora Stati Uniti – Gran Bretagna – URSS. Da notare: quelli della Gran Bretagna hanno lo stemma dei Windsor della famiglia della futura Regina Elisabetta. 
Questi sono i bottoni delle Camicie Nere di Mussolini, Duce e delle SS di Hitler. Le Camicie Nere era il corpo speciale nazionale al servizio del Partito Fascista ubbidivano al  segretario del partito. Le SS vennero formate nel 1925. Il 6 gennaio 1929 Hitler nominò Heinrich Himmler capo delle SS. Il 30 settembre 1946, i giudici del tribunale del Processo di Norimberga condannarono le SS, dichiarandole una organizzazione criminale
I giudici sottolinearono questa sentenza dichiarando che: le SS vennero usate per scopi che erano criminali, che comprendevano: la persecuzione e lo sterminio degli ebrei, brutalità ed esecuzioni nei campi di concentramento, eccessi nell'amministrazione dei territori occupati, l'amministrazione del programma di lavoro schiavistico e il maltrattamento e assassinio di prigionieri di guerra. 
Conferenza di Teheran 1943
Da sinistra: Stalin, Franklin D. Roosevelt, e Winston Churchill.  a Teheran. Durante la seconda Guerra mondiale nel 1943 si sono incontrati nella  conferenza di Teheran (28 novembre - 1º dicembre 1943) ed è stata la prima occasione nella quale si riunirono i cosiddetti "tre Grandi" della seconda guerra mondiale: Stalin, per l'Unione Sovietica, F.D. Roosevelt, per gli Stati Uniti d'America, e Churchill per la Gran Bretagna.
Conferenza di Jalta
Churchill, Roosevelt e Stalin alla conferenza di Jalta. Il secondo incontro è avvenuto a Jalta. L'incontro si tenne in Crimea, nel Palazzo di Livadija, vecchia residenza estiva di Nicola II a Jalta, fra il 4 e l'11 febbraio 1945. La conferenza di Jalta è il nome del vertice tenuto durante la Seconda guerra mondiale, nel quale i capi politici dei tre principali paesi Alleati presero alcune decisioni importanti sul proseguimento del conflitto, sull'assetto futuro della Polonia, e sull'istituzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite. (Wikipedia) 
Conferenza di Potsdam
Attlee, Truman, e Stalin a Potsdam. Conferenza di Potsdam è il nome dato all'ultimo dei vertici interalleati tenutosi dal 17 luglio al 2 agosto 1945. Nel corso dell'incontro i leader delle potenze vincitrici della Seconda guerra mondiale (Stati Uniti, Regno Unito e Unione Sovietica) discussero e raggiunsero accordi sulla gestione dell'immediato dopoguerra. (Wikipedia). Da queste tre conferenze venne fuori l’assetto degli stati e la geografia politica in Europa alla conclusione della seconda guerra mondiale. Praticamente l’Europa venne divisa in due blocchi nettamente contrapposti sui temi della libertà, della democrazia, sui diritti delle nazioni  ed dei popoli. La parte est dell’Europa sotto influenza e dittatura comunista, la parte ovest sotto l’influenza delle democrazie occidentali. Tutti e due avevano paura di una invasione dell’altro e nacque la famosa e preoccupante “GUERRA FREDDA “ e la corsa agli armamenti compreso lo sviluppo e la propagazione nelle zone di influenza di ogni blocco le armi atomiche.
bottoni esercito cubano
Il momento più preoccupante di questa guerra fredda fu la cosi detta crisi di Cuba. La crisi dei missili di Cuba fu un confronto tra USA e URSS conseguente al tentativo di invasione di Cuba, nell'aprile del 1961 e al relativo spiegamento difensivo nell'Isola di Cuba di missili nucleari sovietici. La crisi iniziò il 15 ottobre 1962 e durò tredici giorni, in seguito alla loro scoperta il 14 ottobre, da parte di un aereo americano U2, in volo da ricognizione sopra il territorio cubano. È stato considerato uno dei momenti più critici della Guerra Fredda, assieme al Blocco di Berlino Dopo giorni di tensione, Chruščëv, vista la fermezza di Washington e di John Fitzgerald Kennedy, ordinò il ritiro dei missili in cambio della promessa di non invasione dell'isola e del ritiro dei missili Jupiter installati nelle basi di Turchia e Italia, avvenuto sei mesi più tardi. (Wikipedia) 
Papa Giovanni XXIII
Di fronte alla drammaticità della situazione, Papa Giovanni XXIII, pur essendo contemporaneamente impegnato nei lavori del Concilio ecumenico, sentì la necessità di agire per la pace, Dicendo fra l’ altro “  I Capi di Stato  non devono restare insensibili a questo grido dell’umanità. Facciano tutto ciò che è in loro potere per salvare la pace: così eviteranno al mondo gli orrori di una guerra, di cui nessuno può prevedere le spaventevoli conseguenze. Continuino a trattare. Sì, questa disposizione leale e aperta ha grande valore di testimonianza per la coscienza di ciascuno e in faccia alla storia. Promuovere, favorire, accettare trattative, ad ogni livello e in ogni tempo, è norma di saggezza e prudenza, che attira le benedizioni del Cielo e della terra”. (Wikipedia)
bottone distensione
Chiusa la terribile vicenda di Cuba, pian piano le due potenze USA  e URSS si avvicinarono e per la prima volta, dopo la Rivoluzione russa del 1917, un presidente americano volò a Mosca, Nixon 1972. Nel 1975 nello spazio vi è stato l’incontro e l’unione delle due navicelle spaziali USA-URSS. E’ finita la guerra fredda ed inizia una fase di distensione.
La simbologia delle due potenze mondiali su un bottone, (il mio preferito in assoluto), è un grande messaggio di pace e di fratellanza fra tutti i popoli del mondo. 
Due pezzi originali del Muro di Berlino comperati a Berlino sei giorni dopo la caduta. L’ultima barriera della guerra fredda cadde, dopo oltre 28 anni, in cui Berlino, divisa in due settori, est-ovest,  quel muro, costruito in una notte il 12-08-1961, il 09-11-1989 è stato abbattuto. Con la caduta del Muro di Berlino il potere comunista negli stati europei dell’ est è finito e  l’ influenza dell’ Urss dei Soviet  è praticamente terminata. 
Bottoni da soldato dell’ esercito Jugoslavo sotto la dittatura di Tito. L’impero slavo si è sciolto in tanti stati autonomi nel 1989 che portò alla famosa e disastrosa guerra dei Balcani. Le guerre jugoslave sono state una serie di conflitti armati, inquadrabili tra una guerra civile e conflitti secessionisti, che hanno coinvolto diversi territori appartenenti alla Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia tra il 1991 e il 1995, causandone la dissoluzione. 
Prima fila: bottoni militari sotto la dittatura comunista ungheresi. Seconda fila: civile postale, militare, civile ferrovia nel nuovo corso della Repubblica, ungherese. Lo stato comunista dell’Ungheria cessa di esistere nel 1989 quando,viene proclamata la Repubblica.
Bottoni esercito dell’Urss da ufficiale. Il 25/12/1991 a Mosca vi è stato l’ultimo Soviet Supremo del governo dell’Urss. Il grande impero comunista russo si è diviso in tantissimi stati indipendenti. 
Bottoni dell’ esercito polacco sotto il comunismo. Come altri stati dell’ est la Polonia dopo la seconda guerra mondiale è stata governata dai comunisti.
Con la caduta del Muro di Berlino è diventata una nazione libera di autogovernarsi. Nel 1989 le prime elezioni parzialmente libere dopo la seconda guerra mondiale si conclusero con il movimento per la libertà che vinse contro il partito comunista. Il 12 marzo 1999 la Polonia è stata ammessa alla NATO. L'ingresso nell'Unione europea è avvenuto il 1º maggio 2004.
Chiedo scusa se questo post è stato un po’ lungo, ma per l’ argomento trattato valeva la pena.
Vi ricordo come sempre che il Museo del Bottone è aperto negli orari invernali dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 18:30 con ingresso e guida gratuita.
Giorgio Gallavotti 339 34 83 150
Santarcangelo di Romagna 25/11/2013

Nessun commento:

Posta un commento

Attaccate il vostro bottone: